(Attenzione questo racconto può disgustare)

Com’è andata ? (inizio, decorso e superamento della patologia)

Ho messo un po’ ad accorgermi di avere il verme solitario. Si pensa che quando lo si ha si dimagrisce, si è stanchi, si mangia più del solito ecc. Io non ho avuto niente di tutto ciò, ero in piena forma e non ho notato niente di strano. Se non ché, ogni tanto, ma tipo una volta a settimana, o anche più di rado, trovavo sparsi per il mio corpo delle specie di strisce biancastre (tra la linguine e la tagliatella fine per intenderci) di circa 2 o 3 cm. Le ho trovato diverse volte senza farci caso, perché davvero era troppo raro (forse 4 in 2 mesi) per ricondurlo a un problema. E poi sembrava qualcosa di alimentare, non di fisiologico. Poi due/tre volte di fila le ho trovate nelle mutande. E ho iniziato a chiedermi se erano delle perdite vaginali solide… Il colore eventualmente poteva rifarsi più a questo. Infine un giorno sento un prurito forte all’ano, e mi tocco per vedere cosa c’era, trovando uno di queste strisce direttamente li, che stava uscendo. Ho immediatamente riconosciuto un prurito che effettivamente c’era da un po ma per niente invasivo e che non avevo dunque consapevolizzato. Una rapida visita su internet mi è bastata per capire cos’era. Sono anelli che si staccano dal corpo del verme solitario, e che escono dal tuo corpo attraverso l’ano. Infatti, se guardavi attentamente e lo lasciavi in un posto, vedevi che la « striscia » si muoveva e avanzava…. Berk.
Poi sono andata dal medico di base che ha sgranato gli occhi chiedendomi se mangiavo il maiale crudo e dicendomi che erano al meno 20 anni che non aveva un caso di verme solitario. Mi ha dato una medicina da prendere in una volta sola, e consigliato di non stare troppo lontana dal WC per le 24 ore dopo l’assunzione del farmaco. L’ho fatto, è andata bene, per quanto sembrava che dovesse essere schifoso, e non ho mai più trovato i vermetti.

Come l’hai vissuto, eventuali conseguenze ?
E’ stato una patologia abbastanza blanda tutto sommato, stavo lavorando tanto quindi non ci prestato molto attenzione e si è risolto in fretta. Ci ho riso su parecchio. Ed è stato  un’argomento perfetto da tirare fuori durante le cene per togliere l’appetito agli amici !

Riflessioni a posteriori e significati che ti sono venuti in mente a posteriori ?

Niente. Il verme solitario è un parassita…Simbolicamente, se n’è andato qualcosa che viveva in me…Non saprei. Ricordo che il mio omeopata all’epoca mi ha detto : « chissà che parte di te hai lasciato andare » o qualcosa del genere. Non ci ho pensato più di tanto. Stavo lavorando davvero tantissimo e iniziavo ad avere successo nei miei progetti. E avevo mangiato tanta di quella carne quell’estate !!!